Razionale

Circa un milione di pazienti sono trattati cronicamente con farmaci anticoagulanti anti-vitamina K (AVK). A questa popolazione si sono aggiunte negli ultimi anni centinaia di migliaia di persone che ricevono farmaci anticoagulanti completamente diversi (NAO) confermando la tendenza generale a un progressivo e importante incremento del numero di tutti i pazienti anticoagulati. Inoltre, sulla base di numerose indicazioni cliniche, il numero di persone che assumono cronicamente farmaci antitrombotici (quali aspirina, clopidogrel, o altri di più recente introduzione) è sicuramente molto elevato, ma non valutabile con certezza. Superato oggi il momento dell’introduzione dei nuovi anticoagulanti orali per uso cronico, resta viva la necessità di rispondere il più possibile e nel modo più adeguato alle varie e importanti necessità terapeutiche, tra cui: la corretta prescrizione e selezione dei pazienti, l’idoneo follow-up clinico, la corretta informazione ed educazione al paziente sull’uso ottimale di questi farmaci, e ogni azione utile volta ad ottenere la più alta aderenza possibile alla terapia. Tutto ciò comporta la diffusione di conoscenze specifiche, l’impegno da parte dei professionisti della sanità coinvolti, un’adeguata organizzazione dei servizi del Sistema Sanitario, e infine un rapporto costante e costruttivo con i pazienti e i loro familiari.
L’edizione 2018 del Convegno “ANTICOAGULAZIONE: ATTUALITA’ CLINICHE E DI LABORATORIO. ASPETTI SOCIALI”, che la Fondazione Arianna Anticoagulazione promuove per il terzo anno consecutivo e che si terrà a Bologna il 25-26 gennaio 2018, affronta questo tema ampio e complesso sotto diversi punti di vista. Lo scopo principale è quello di fornire a professionisti (medici clinici, personale di laboratorio, infermieri) strumenti conoscitivi e culturali più idonei ad affrontare i necessari impegni terapeutici con i pazienti.

Format

La formula consueta del convegno prevede una prima giornata di aggiornamento sui risultati degli studi in corso in materia di vecchi e nuovi anticoagulanti, mentre nella seconda giornata l’aula si sdoppia per trattare da un lato gli aspetti più tecnici ed educazionali adatti ai professionisti e, dall’altro, temi più di interesse sociale e di organizzazione sanitaria mediante tavole rotonde con rappresentanti dei pazienti, società scientifiche e istituzioni.
Quest’anno, inoltre, il convegno avrà un focus specifico sul paziente anziano e sulla donna. Saranno quindi coinvolte le società di geriatria, ginecologia e di medicina generale. Svolgeremo infine attività di ufficio stampa per dare risalto ai temi trattati anche all’esterno dell’ambito strettamente congressuale e pubblicheremo gli atti e le presentazioni autorizzate sul sito web a disposizione dei lettori di anticoagulazione.it.

E-MAIL ALERT

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente via e-mail tutti gli aggiornamenti sul convegno.

Evento promosso da

In collaborazione con

Patrocinato da